Il Giardino pensile di Napoli a Palazzo Reale

Il Giardino pensile di Palazzo Reale a Napoli

Con la sua maestosità il Palazzo Reale di Napoli domina la suggestiva cornice di Piazza del Plebiscito, ma non tutti sanno che il simbolo della città racchiude al suo interno non soltanto delle meravigliose sale nobiliari ma anche una terrazza speciale: il Giardino pensile di Palazzo Reale.

Chiuso al pubblico per diversi anni per importanti lavori di ristrutturazione terminati nel 2018, questo punto di interesse dal panorama d’eccezione è finalmente pronto per accogliere nuovamente turisti e cittadini. Pronti a scoprirlo nei dettagli all’insegna di una Napoli segreta?

Il Giardino pensile di Palazzo Reale a Napoli
Photo courtesy: Napolike.it

Cosa vedere a Napoli: il Giardino pensile di Palazzo Reale

Se siete in procinto di visitare i maestosi appartamenti reali e le sale sfarzose di Palazzo Reale approfittate dell’occasione per prenotare una visita guidata al Giardino pensile, una passeggiata nella natura tra il profumo degli agrumi e gli eleganti pergolati che conducono ad un panorama mozzafiato sul Golfo di Napoli, l’isola di Capri e la Penisola Sorrentina.

Realizzato verso la metà del XVII secolo come “Giardino del Belvedere”, il Giardino pensile di Palazzo Reale è stato interamente restaurato a partire dalla pavimentazione dove grazie ad un lavoro molto accurato è stato possibile ripristinare la bellezza degli antichi marmi e del tufo dell’epoca, fino agli arredi, alla sistemazione delle aree verdi e delle aiuole che oggi riprendono gli schemi di un tempo regalando ai visitatori una passeggiata d’eccezione nel cuore della città ma lontano dal caos cittadino.

Una parte fondamentale nell’ambizioso progetto di restituzione ai cittadini di questo pregevole punto di interesse è stata la ricerca d’archivio che, attraverso le documentazioni e le fotografie originarie dell’epoca, ha consentito di ripristinare gli elementi e la vegetazione che lo caratterizzavano anticamente come ad esempio gli agrumi e le rose, tornati ad essere protagonisti di questi spazi.

Visita guidata al Giardino pensile di Napoli

Il Giardino Pensile di Palazzo Reale è visitabile in compagnia delle guide specializzate che durante un percorso di circa 40 minuti offrono un breve excursus relativo alla storia di Palazzo Reale, conducendo i visitatori alla scoperta di uno dei migliori punti panoramici sul Golfo di Napoli, passeggiando tra gli eleganti berceaux fino a raggiungere la protagonista dell’intera terrazza: l’antica fontana in marmo bianco, punto privilegiato di osservazione per godere di una vista indimenticabile.

La visita al Giardino Pensile di Palazzo Reale è solo su prenotazione tramite il portale di Coop Culture al costo di 5 euro a persona + il biglietto di ingresso a Palazzo Reale (6 euro).

Come sostenere il Giardino pensile di Napoli: operazione mecenati del verde

Prendersi cura dell’immenso patrimonio artistico e culturale campano è un impegno al quale possono contribuire cittadini e turisti desiderosi di fare la loro parte per far sì che questo angolo di paradiso possa tornare a splendere come un tempo. Oltre a visitarlo è possibile contribuire alla manutenzione del Giardino pensile tramite piccole donazioni volte a supportare la cura delle aiuole e la possibilità di piantare nuovi alberi trasformandosi in veri e propri mecenati del verde. L’iniziativa verrà presentata tra pochi giorni sul sito ufficiale di Palazzo Reale e tutti quello che lo desiderano potranno contribuire al mantenimento e all’abbellimento del Giardino pensile.

SHARE:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su twitter

2 Comments

  • Ma questo posto è stupendo! E che vista 🥰

    • Visto che meraviglia? Ne sarei felicissima se ci andassi anche tu, penso proprio che ti piacerebbe (anche se è un paesaggio un tantino diverso dalla Finlandia :D).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao, sono Chiara! Una viaggiatrice instancabile, sostenitrice del turismo di prossimità e sempre a caccia di mete insolite. Chi ha detto che bisogna per forza andare lontano per scovare posti meravigliosi?
Conosciamoci meglio

Iscriviti alla newsletter

Social Media
#Turismoinrassegna