BelgioEuropa

Cosa vedere a Bruges: la città più romantica delle Fiandre

Bruges-notte-centro storico

Se sognate da tempo un viaggio nelle Fiandre alla scoperta di Bruges e vorreste saperne di più su questa splendida destinazione del Belgio, allora siete nel posto giusto! 🙂

I suoi angoli suggestivi e gli scorci da cartolina che si susseguono nelle stradine del centro storico, hanno reso Bruges la città più romantica delle Fiandre ed una delle destinazioni più richieste del Belgio.

Per quanto non si tratti di una grande città, Bruges è stata spesso definita un vero e proprio museo all’aperto che offre tante attrazioni culturali, una bella tradizione gastronomica e l’opportunità di passeggiare tra strade e parchi di incredibile bellezza, tanto da essere stata dichiarata Patrimonio dell’umanità UNESCO.

Un riconoscimento prestigioso che Bruges ha meritato ampiamente e che oggi la rende una città da visitare assolutamente.

Il centro città medievale cattura subito l’attenzione con le sue tradizionali case in mattoni, i campanili e i vecchi ponti che creano ad ogni angolo uno scorcio degno di una cartolina. Se a tutto questo aggiungiamo anche la romantica atmosfera dei canali popolati da eleganti cigni e il calpestio dei calessi che percorrono in lungo e in largo il centro storico, sembra subito di essere tornati indietro nel tempo.

La bella città fiamminga è un gioiellino raccolto e intimo che può essere visitato in pochi giorni, una meta perfetta per un weekend fuoriporta alla scoperta delle Fiandre.

13 cose da vedere e da fare a Bruges

Il centro storico di Bruges va ammirato con calma e senza corse per riuscire a scoprire tutti i suoi angoli caratteristici e per godersi al meglio la magica atmosfera della città. Prendetevi del tempo per perdervi tra le sue stradine acciottolate e per cogliere la vera essenza del posto tra una cioccolata calda e un waffle fumante!

Le antiche case in mattoni sono le vere protagoniste ed è fantastico fotografarle con le varie sfumature di luce durante il giorno e alla sera quando tutto si illumina e la bellezza del centro storico dà il meglio di sé. A Bruges il tempo sembra essersi fermato cristallizzato nella tranquillità dei suoi canali che creano un’atmosfera davvero unica, impossibile visitare la città e non percepire queste sensazioni.

1 –  Il Grote Markt e la salita al Belfort 

Il Grote Markt o Piazza del Mercato è il cuore pulsante di Bruges, un tempo sede delle principali attività commerciali, oggi brulicante punto di ritrovo per i cittadini tra ristoranti tipici, cioccolaterie e antiche birrerie locali. Le caratteristiche case dalle guglie appuntite dominano la piazza rendendola unica nel suo genere.

Bruges-cosa-vedere

Tra le particolarità del Grote Markt e senza dubbio tra i principali punti di interesse della città vi è il Belfort o Beffroi de Bruges,  l’antica torre campanaria che svetta dall’alto dei suoi 83 metri d’altezza dalla cui sommità è possibile ammirare tutto il fascino della cittadina fiamminga dall’alto. Costruito tra il XIII e il XV secolo, il Belfort è il simbolo della città e l’impressione che penda da un lato è del tutto fondata: la struttura infatti è inclinata verso est di circa un metro!

Belfort-Bruges-prezzo

Ad attendere i visitatori ci sono ben 366 gradini che tendono a diventare sempre più stretti a mano a mano che si sale verso la cima e che possono quindi richiedere un po’ di fatica, ma ne vale decisamente la pena! Durante il percorso è possibile ammirare l’antico meccanismo del carillon che da più di 7 secoli aziona le 47 campane ogni 15 minuti, davvero imperdibile.

Una volta raggiunta la cima è tempo di godere della bellissima vista panoramica a 360° sulla città!

Il Belfort può essere visitato tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.00 al costo di 12 euro (adulti), 10 euro (ridotto dai 6 ai 25 anni e per over 65) gratuitamente per i minori di 6 anni.

Bruges-cosa-vedere-grote-markt

2 – Un tuffo nel passato all’Historium di Bruges 

Tra le altre cose da vedere al Grote Markt c’è anche l’Historium, un virtual tour alla scoperta dell’antica vita medievale di Bruges per immergersi nella quotidianità del XV secolo.

Il percorso è accessibile tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 a partire da 14 euro (il prezzo varia a seconda delle attività incluse).

Cosa-fare-a-bruges-quando-piove-historium

3 – Una degustazione di birra belga al Biermuseum 

E per concludere con i principali punti di interesse si può far tappa al Biermuseum per scoprire l’antica tradizione della birra belga tra degustazioni e shopping presso lo store.

Il museo della birra di Bruges è aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 (fino alle 21.00 al sabato) al costo di 10 euro (senza degustazione) o 16 euro (3 degustazioni da 15cl)

Biermuseum-Bruges

4 – Una visita alla Chiesa di Nostra Signora 

Conosciuta come la seconda costruzione in mattoni più alta del mondo, la Chiesa di Nostra Signora è il simbolo di Bruges! Grazie alla sua imponenza e ad un’altezza di 115 metri non passa di certo inosservata e risulta visibile in molti punti della città. Al suo interno ospita uno dei massimi capolavori della storia dell’arte, ovvero la Madonna col Bambino di Michelangelo. Vederla dal vivo è una meraviglia che non ci si può perdere.

Bruges cosa vedere in un giorno: Chiesa di Nostra Signora

5 – Il ponte di Bonifacio

Considerato giustamente uno dei punti più romantici di Bruges, il ponte di Bonifacio è una vera propria cartolina che racconta l’essenza della città. Un angolino delizioso dove il tempo sembra essersi fermato e che non si può non vedere durante un viaggio alla scoperta delle Fiandre.

Situato nel cuore della città, nelle immediate vicinanze della Chiesa di Nostra Signora,  il ponte di Bonifacio attira sempre e a qualsiasi ora molti turisti e riuscire a fotografarlo senza persone diventa veramente difficile, ma la sua bellezza resta ugualmente intatta. Qui tra i giardini del parco di Casa Arents regna la pace e la magia è di casa con la bellezza del canale e delle abitazioni tipiche che si specchiano nelle sue acque. Uno scorcio di Bruges assolutamente imperdibile!

visitare Bruges in due giorni: il ponte di Bonifacio Visitare Bruges consigli

6 – Una passeggiata al Burg e una degustazione di cioccolata alla Chocolaterie de Burg

Il Burg è un altro dei principali punti di interesse della città, un tempo sede dell’antico castello difensivo e del centro amministrativo della città di cui ancora oggi si può ammirare il maestoso municipio gotico. Questa piazza è incredibilmente bella in qualsiasi momento della giornata, ma quando scende la sera e tutto si illumina assume un fascino incredibile! Se a tutto questo aggiungiamo poi il foliage autunnale, la città sembra trasformarsi in un quadro antico.

Tra i protagonisti del Burg spicca senza dubbio la Basilica del Sacro Sangue che cattura subito l’attenzione per le sue vetrate colorate e per l’ingresso particolarmente decorato. Secondo l’antica storia della città, al suo interno è custodita una fiala contenente il sangue di Gesù.

Bruges cosa visitare: il Burg

Dopo gli aspetti culturali, è ora di rifocillarsi con una bella dose di cioccolata e dove se non all’antica Chocolaterie de Burg, il paradiso dei golosi! Difficile scegliere la specialità su cui puntare, sono tutte a dir poco irresistibili. In questo delizioso shop potrete portarvi a casa anche una miniatura del negozio per ricordare i bei momenti trascorsi a Bruges!

Cosa fare a Bruges: degustare la cioccolata belga

7 – Alla scoperta dell’arte fiamminga al Museo Groeninge

Gli appassionati di arte non possono perdersi una visita al Museo Groeninge, il più importante della città nonché custode dei capolavori dell’arte fiamminga. Nelle sue sale è possibile ammirare i lavori di Jan Van Eyck, Van Der Weyden e Bruegel solo per citarne alcuni. Oltre alle principali opere della pittura fiamminga antica e moderna, troviamo anche una vasta collezione di sculture e di capolavori d’arte moderna.

Una tappa che non può mancare e che può essere ancora più “utile” da visitare se vi state chiedendo cosa fare a Bruges quando piove 😉

Bruges cosa vedere in 2 giorni

8 – Pausa caffè con i Waffle tipici di Bruges 

Tra le specialità della cucina belga spiccano i famosi Waffle ai quali è vietato resistere in occasione di un viaggio a Bruges! 🙂 In città sono ovviamente tantissimi i locali che li propongono, ma noi abbiamo assaggiato quelli di Otto Waffle Atelier situato proprio nel cuore del centro storico. Più che un dolce sembra un’opera d’arte per come si presenta e a disposizione dei golosi ci sono tantissimi topper tra cui scegliere! Una degustazione non può mancare!

Bruges dove mangiare tipico: Otto Waffle Atelier

9 – Una passeggiata al Beghinaggio 

Il Beghinaggio o Begijnhof di Bruges è un’area della città che sa di pace e di scenari magici. E’ dal XII che con questo nome viene indicato un tranquillo complesso di edifici abitato da suore, le beghine appunto, riunite in piccole comunità nel cuore della città. Dopo essersi lasciati alle spalle la folla del Markt, ci si immerge piano piano nella tranquillità del luogo dove scorrono le acque del Dijver ed è possibile ammirare la bellezza dei cigni che vivono in quest’area.

Non è un meraviglia? 🙂

Bruges cosa c'è da vedere: il Beghinaggio

10 – Il Minnewater: il lago degli innamorati 

A pochi passi dal Begijnhof si trova il Minnewater, il parco che si è aggiudicato il titolo di luogo più romantico di Bruges grazie all’atmosfera data al contesto dal cosiddetto lago degli innamorati.

Un’antica leggenda racconta che resterà eterno l’amore di chi percorrerà il ponte sul lago in compagnia del proprio partner, per cui fateci un pensierino se viaggiate in coppia. In caso invece di compagnie non adatte ad una vita intera…tenetevi alla larga! 😀

Bruges cosa vedere in tre giorni: il parco Minnewater

11 – Assaggiare le famose patatine fritte: il Friet Museum e Casa Patata

Un’altra delle specialità per le quali Bruges è conosciuta sono le patatine fritte! Qual è la particolarità? Le patatine belghe vengono fritte due volte e sono particolarmente consistenti e croccanti, tanto da essere diventate un vero e proprio vanto gastronomico per la città che gli ha dedicato un museo apposito! Sembra assurdo, ma a Bruges potrete realmente visitare il Friet Museum, un percorso alla scoperta della tradizione e della preparazione locale delle patatine fritte.

Come per i waffle, anche in questo caso sono molti i locali specializzati in patatine fritte, ma tra i tanti noi abbiamo scelto Casa Patata,  un locale piccolo ma molto carino che si trova in pieno centro. Qui le patatine vengono servite come un piatto unico con vari condimenti tra cui spiccano bacon croccante, pollo, spezie e mille altre preparazioni tra cui scegliere!

Se tutto questo vi ha ispirato e vi ha fatto venir voglia di prenotare un viaggio nelle Fiandre, allora è il momento di informarsi su come arrivare a Bruges.

Dove mangiare le patatine fritte tipiche di Bruges: Casa patata

12 – Ammirare il Molo del Rosario

Ecco qui un altro degli scorci più famosi e romantici di Bruges! Indipendentemente dal fatto che sia giorno o notte, questo luogo ha un’atmosfera davvero magica. A far da cornice a questo panorama ci sono tanti ristorantini proprio sull’acqua per godere ancora più da vicino di questo scenario degno di una cartolina!

Bruges: lo scorcio romantico del Molo del Rosario

13 – Un giro in battello sui canali di Bruges

Non si può ripartire da Bruges senza aver fatto un tour in barca sui suoi splendidi canali! Questa è senza dubbio la migliore prospettiva da cui ammirare la città e senza dubbio anche quella più romantica. Sono davvero tante le opportunità per fare un giro in barca e il prezzo si aggira intorno ai 10-12 euro a persona. La visita dura circa mezz’ora, durante la quale vengono fornite le audioguide (disponibili prevalentemente in inglese) che raccontano la storia dei punti più iconici di Bruges. Una veloce full immersion nel passato della città alla scoperta delle sue curiosità e di angolini che sono delle vere e proprie chicche, il tutto anche grazie al contributo di meravigliosi cigni!

Cosa fare a Bruges: un tour in barca alla scoperta dei canali

Come raggiungere Bruges dall’Italia 

Aereo

Bruges è facilmente raggiungibile dall’Italia grazie ai numerosi collegamenti (anche “low cost” come Ryan Air) per Bruxelles disponibili dalle principali città italiane. Noi siamo partiti da Milano approfittando di una buona offerta di Brussels Airlines e ci siamo trovati davvero molto bene.

Come raggiungere Bruges dall’aeroporto di Bruxelles

Treno

Una volta arrivati all’aeroporto di Bruxelles Zaventem, abbiamo acquistato direttamente in stazione i biglietti del treno per il collegamento Bruxelles – Bruges della società locale BelgianTrain.

La distanza tra Bruxelles e Bruges è di circa 100km e i tempi di percorrenza in treno si aggirano su 1 ora e mezza. Alcune tratte sono dirette, altre invece prevedono il cambio nella stazione di Brux.-Midi/Brus.-Zuid. Se l’orario del diretto è comodo conviene naturalmente puntare su quello, soprattutto perché in alcune stazioni non sono presenti i tabelloni che indicano in modo chiaro qual è il treno in arrivo e ci è capitato persino di vederne arrivare alcuni con i display spenti e che non indicavano la destinazione né il numero di riferimento e questo può creare naturalmente delle difficoltà.

Il prezzo si aggira intorno ai 20 euro a tratta e a persona, ma sfruttando l’offerta Weekend Ticket (se compatibile con i propri programmi di viaggio) si può risparmiare fino al 50% sulla tariffa base prenotando il treno dell’andata e del ritorno a partire dalle 7 di sera.

Dormire a Bruges: NH Brugge

Per il nostro viaggio abbiamo scelto la qualità e il comfort dell’NH Brugge, situato in una posizione comodissima a pochi passi dal centro e dalla stazione ferroviaria. La camera spaziosa e pulita, ci ha permesso di riposare al meglio dopo le lunghe passeggiate e la colazione a buffet ricca e curata ci ha dato ogni giorno la giusta carica per affrontare al meglio la giornata. Una particolarità che abbiamo apprezzato molto e che per qualche giorno ci ha fatto scoprire le abitudini locali, è stata la presenza delle macchine per preparare i Waffle messe a disposizione degli ospiti. Imperdibile! 🙂

E infine un po’ di info sul meteo: quando andare a Bruges

Prima di chiudere questo lungo viaggio alla scoperta di Bruges, veniamo ad una delle domande più frequenti: qual è il periodo migliore per visitarla.

Vista la latitudine, è normale aspettarsi delle condizioni climatiche fredde in autunno/inverno e miti in primavera ed estate. Novembre è solitamente un mese sconsigliato perché è quello più piovoso, eppure noi abbiamo potuto visitare la città proprio in questo periodo a causa del lavoro e sia il clima che il meteo si sono rivelati molto meglio del previsto e abbiamo avuto persino l’occasione di ammirare il fascino di Bruges in una bella giornata di sole. Le medie stagionali vanno sì prese in considerazione prima di prenotare un viaggio, ma non è detto che non possano esserci delle finestre di bel tempo anche nel periodo più a rischio.

Spero che questo articolo vi sia stato utile e vi abbia ispirato nel prenotare un bel viaggio alla scoperta delle Fiandre!

2 Comments

  • Chiara grazie per il bellissimo e utilissimo articolo!
    Me lo salvo e lo userò come mini guida quando finalmente riuscirò a visitare questa suggestiva e romantica città 😍
    Un abbraccio

    • Ma grazie a te Morena! Sono davvero felice che ti sia stato utile! 🙂
      Naturalmente dovrai poi raccontarmi del tuo viaggio a Bruges!
      Un abbraccio anche a te!

Leave a Comment