Chiara

Chiara

Digital PR & Social Media Specialist, nata a Napoli e residente a Milano. Viaggiatrice instancabile, Nikon lover, dipendente dal mare e terribilmente attratta dalle tecnologie e dai libri. "Conosco solo un modo per sentirmi veramente felice e quel modo è viaggiare"

Da non perdere

A Villa Erba la nuova edizione di Orticolario, la mostra mercato dedicata a fiori e giardini

Orticolario 2017

Come ben sanno tutti gli amici che ci seguono, tra le nostre tante passioni ci sono anche il giardinaggio e l’amore per i fiori,  a cui ci dedichiamo nel tempo libero con cura e dedizione 🙂

“Un fiore è breve, ma la gioia che dona in un minuto è una di quelle cose che non hanno un inizio o una fine”
diceva non a caso Paul Claudel e a tal proposito, oggi vogliamo raccontarvi dell’evento per eccellenza dedicato a fiori e giardini: stiamo parlando di Orticolario!

Nello splendida cornice di Villa Erba a Cernobbio, dal 30 settembre al 1 ottobre 2017, ritorna Orticolario che come di consueto richiamerà da ogni parte di Italia oltre 20.000 visitatori, affascinati dall’indiscutibile bellezza del Lago di Como e dalle incredibili composizioni floreali ricreate dagli esperti del settore.

a Erba Cernobbio Orticolario

Orticolario è l’occasione perfetta per visitare la splendida Villa Erba: gioiello architettonico di fine 800, circondato da un giardino di ben 100.000 mq sulle sponde del lago, non poteva che rappresentare la location perfetta per questo evento! 🙂

Proprio all’interno del suo parco, sarà possibile perdersi nel mare di colori offerti dalle composizioni floreali dei giardini, selezionati accuratamente da un’apposita giuria attraverso il concorso internazionale “Spazi Creativi”.

Il fiore protagonista di quest’anno è la Fuchsia, dalle incredibili sfumature e colorazioni.

Fuchsia

NOVITA’ 2017 – Degna di nota per l’edizione di quest’anno è l’apertura serale:  per la prima volta nella storia di Orticolario, ai visitatori saranno proposte numerose iniziative ad hoc che si protrarranno fino alla mezzanotte; un’occasione imperdibile per vivere da una prospettiva inedita la magica atmosfera del lago. Avete mai passeggiato in un giardino di notte? Questa è l’occasione adatta per osservare la natura sotto una nuova luce 🙂

Tantissimi i workshop e i laboratori didattico- creativi (alcuni dei quali dedicati ai bambini) che animeranno anche quest’anno la kermesse dei fiori: solo per citarne alcuni, con il team di Casa Facile sarà possibile cimentarsi nella realizzazione di ghirlande autunnali, kokedama, terrari in miniatura e molto altro ancora!

ARRIVO IN BATTELLO – Il modo sicuramente più suggestivo per raggiungere Villa Erba è in battello: sabato e domenica è attivo il servizio navetta incluso nel biglietto di ingresso!

Noi ce ne siamo già innamorati..e voi? 🙂

Orticolario è un’occasione unica per fotografare la natura in tutto il suo splendore!

Buona visita!

Orticolario 2017

Orari:

venerdì 29 settembre – sabato 30 settembre: ore 9.00 – 24.00 (dalle ore 19.30: no espositori)

domenica 1 ottobre: ore 9.00 – 19.00

Biglietti: 17 euro (intero), 14 euro (ridotto), 12 euro (ridotto serale), 30 euro (ridotto famiglia: 2 adulti & 1 bambino)

Da non perdere

Eurochocolate 2017: tutte le info per il Festival del Cioccolato di Perugia

Eurochocolate 2017 Perugia (19)

Ad ottobre ritorna Eurochocolate, l’International Chocolate Exhibition nel cuore dell’Umbria 

Eurochocolate 2017 PerugiaOttobre si avvicina e con esso uno degli appuntamenti più golosi dell’anno: l’Eurochocolate di Perugia, il festival internazionale del cioccolato italiano, fiore all’occhiello del territorio umbro che ogni anno attira quasi 1 milione di turisti da ogni parte di Italia.

L’edizione di quest’anno si terrà dal 13 al 22 ottobre e come di consueto, animerà il centro di Perugia con sculture di cioccolato, laboratori, animazione e ovviamente…tante e tante degustazioni! 🙂

Gli amanti del cioccolato inevitabilmente vivranno un’esperienza paradisiaca, alla scoperta di incredibili varietà del cosiddetto “cibo degli dei”.

Anche noi abbiamo ovviamente partecipato all’evento qualche anno fa e ne conserviamo un ricordo davvero piacevole, anche perché l’Umbria è da sempre una meta di straordinaria bellezza ed è impossibile non tornare volentieri ad ammirare i suoi paesaggi. I colori dell’autunno poi, sanno regalare un’atmosfera ancora più suggestiva e la partecipazione ad Eurochocolate è sicuramente una buona idea per coniugare in un solo weekend bontà gastronomiche e natura incontaminata, lontani dallo stress cittadino! 🙂

CHOCOCARD 2017 – Come ogni anno, ai visitatori viene offerta la possibilità di acquistare la “ChocoCard”, la tessera dei golosi che consente di vivere appieno la manifestazione.

La card ha un costo di 6 euro e da diritto ai seguenti omaggi:

  • una fragrante tavoletta di cioccolato da 75 gr e un paio di cuffiette audio da ritirare presso lo stand “Tutta un’altra Musica” in Piazza IV Novembre
  • Una moneta di cioccolato da ritirare presso il negozio ChocoStore in Piazza IV Novembre
  • Una tazza dello speciale Whittington Tea al gusto cacao, da degustare presso lo stand Eraclea in Corso Vannucci
  • Una degustazione di yogurt colato FAGE Total con topping a scelta da ritirare presso lo stand FAGE in Largo della Libertà
  • Sfoglia Nera Classica, il primo fondente italiano, da ritirare presso lo stand Majani in Corso Vannucci
  • Due miniconfezioni da due caramelle Ricola da ritirare presso i ChocoCard Point
  • Un Mini Ritter, da ritirare presso lo stand Ritter in Largo delle Libertà
  • Sconto del 10% sull’acquisto di tavolette presso lo stand vendita Caffarel
  • Sconto del 10% su tutti i prodotti presso i Chocostore di Perugia, Milano, Siena, Pisa, Lecce e valido dal 01/11/2017 al 30/09/2018

Inoltre, grazie alla ChocoCard potrete risparmiare qualcosina presso alberghi, ristoranti, bar e musei 🙂

BENESSERE ALLA CHOCOFARM – Ma non finisce qui…Eurochocolate infatti non è soltanto un’occasione per degustare cioccolato in tutte le salse, ma anche un’opportunità per rilassarsi e ritagliarsi un momento per sé alla ChocoFarm con trattamenti e massaggi al cioccolato, gratuiti ma accessibili solo su prenotazione! Un’occasione da non perdere! (sul sito ufficiale di Eurochocolate info e dettagli a breve)

COME RAGGIUNGERE EUROCHOCOLATE – Nei giorni della manifestazione, Perugia è sempre affollatissima e il consiglio che ci sentiamo di darvi in base alla nostra esperienza è di lasciare l’auto al Parcheggio “Porta Nova” in Piazzale Umbria Jazz 1 (3000 posti auto gratuiti) da cui potrete accedere alla stazione di Pian di Massiano del Minimetrò che, nel giro di soli 10 minuti, vi consentirà di raggiungere la stazione Pincetto situata nel centro storico di Perugia 🙂 Le navette del Minimetrò transitano all’incirca 1 ogni minuto e il biglietto per corsa singola ha una durata di 70 minuti al costo di 1.50 euro.

Speriamo che queste informazioni possano esservi utili per la vostra visita ad Eurochocolate!

Buona fiera! 🙂

Itinerari italianiMilano da scoprire

Visitare la Pinacoteca di Brera di Milano con MyWoWo

Pinacoteca di Brera

Pinacoteca di BreraAlzi la mano chi non ha mai visitato la Pinacoteca di Brera a Milano 🙂

Trattandosi di una delle gallerie di arte antica e moderna tra le più importanti di Italia, una visita è imprescindibile!

Durante la nostra prima gita a Milano, non riuscimmo a visitarla poiché avevamo a disposizione soltanto il lunedì prima di ripartire (il museo è aperto tutti i giorni, tranne il lunedì appunto, ma non lo sapevamo..) così dopo l’immensa delusione di quel giorno, la voglia di visitarla è cresciuta notevolmente.

Finalmente dopo vari intoppi ci siamo riusciti, ma in un certo senso l’attesa è stata ripagata dal fatto di aver avuto con noi un accompagnatore digitale davvero particolare….stiamo parlando di MyWoWo! 🙂

Così, smartphone alla mano, ci siamo diretti alla Pinacoteca di Brera e grazie alla nostra guida digitale, abbiamo scoperto curiosità interessanti anche sul quartiere circostante, vero fiore all’occhiello della città e tra i più caratteristici per una bella passeggiata nel centro storico 🙂

La Pinacoteca di Brera accoglie visitatori da tutto il mondo dal 1809 e all’interno delle sue splendide sale ospita alcuni tra i più importanti capolavori della storia dell’arte mondiale, giusto per citarne alcuni “il Cristo morto” di Andrea Mantegna, “Lo sposalizio della Vergine” di Raffaello Sanzio, “La Pietà” di Giovanni Bellini, “La Cena in Emmaus” di Caravaggio, “La Vergine con il bambino”, il famosissimo “bacio” di Hayez e ovviamente la splendida “Veduta del bacino di San Marco” di Canaletto.

La curiosità forse più interessante è che per volontà di Napoleone, la Pinacoteca fu trasformata in un museo in cui esporre le opere più importanti provenienti dai territori conquistati dall’esercito francese. All’ingresso noterete subito un’imponente scultura in bronzo realizzata da Antonio Canova e dedicata proprio a Napoleone, immortalato nelle vesti di “Marte pacificatore”.

BRERA CON MYWOWO – Ma torniamo a noi….la nostra visita alla Pinacoteca era l’occasione perfetta per testare sul campo MyWoWo, così anziché noleggiare la classica audioguida (al costo di 5 euro a persona), abbiamo indossato le cuffiette e ci siamo goduti le spiegazioni fornite dal nostro accompagnatore digitale, il quale ci ha illustrato anche numerose curiosità.

Pinacoteca di Brera MyWoWoTrattandosi ovviamente di un patrimonio artistico e culturale davvero immenso, al momento su MyWoWo i contenuti a disposizione degli utenti riguardano soltanto le opere principali ospitate a Brera, ma gli aggiornamenti sono molte frequenti e probabilmente nel giro di poco tempo si avrà un pacchetto del tutto completo. In ogni caso, gli esperti del settore o semplicemente gli utenti appassionati di arte, possono contribuire alla completezza dell’app, proponendosi come contributor della sezione “social”:)

Brera è un’occasione da non perdere per un tuffo nell’arte antica (le opere presenti risalgono addirittura al III millennio!) ma anche per ammirare le opere del XX secolo D.C.

EVENTI SPECIALI – Inoltre, spesso viene proposto il percorso “Chiacchierata tra le sale di Brera” che incluso nel biglietto di ingresso, offre ai visitatori l’opportunità di un excursus storico-artistico per conoscere a fondo la storia del museo e delle prestigiose collezioni che ospita. Qui potete consultare il calendario con i prossimi tour 🙂

BIGLIETTI – L’ingresso a Brera ha un costo di 10 euro, (7 euro il ridotto per cittadini UE tra i 18 e i 25 anni – gratuito fino a 18 anni), ma sono tante le iniziative per visitare il museo a prezzi davvero vantaggiosi. Tra cui:

  • Brera di sera: ogni giovedì dalle 18.00 alle 22.15, il biglietto di ingresso costa solo 2 euro
  • Brera di sera con musica: ogni terzo giovedì del mese, dalle 18.00 alle 22.15, il biglietto di ingresso costa solo 3 euro e la visita in Pinacoteca è accompagnata dalla colonna sonora di alcuni giovani musicisti

ORARI DI INGRESSO – Lunedì: giorno di chiusura; Martedì/Mercoledì/Venerdì/Sabato/Domenica: dalle 8.30 alle 19.15 (chiusura biglietteria ore 18.40); Giovedì: dalle 8.30 alle 22.15 (chiusura biglietteria ore 21.40)

VIRTUAL TOUR – E per finire…per quanti invece si sono incuriositi leggendo questo post, ma non sono a Milano o quantomeno non contano di visitarla a breve, vi suggeriamo l’incredibile virtual tour sul sito ufficiale della Pinacoteca di Brera che comodamente da casa consente di visitare le sue sale 🙂

Buon tour! 

 

 

 

 

Travel Tips

Con MyWoWo, la città è a portata di mano!

MyWoWo

Negli ultimi giorni abbiamo spesso accennato ad un nuovissimo progetto che gli amanti della cultura non potranno non apprezzare…. e dopo averlo sperimentato di persona, eccoci pronti a svelarvi di cosa si tratta!

Stiamo parlando di MyWoWo, una nuovissima app disponibile per Android e iOS che consente di avere sempre a portata di smartphone un vero e proprio accompagnatore turistico digitale, pronto a raccontarvi in maniera assolutamente inedita le meraviglie del mondo in ben 7 lingue differenti (italiano, inglese americano, francese, tedesco, spagnolo, russo e cinese mandarino).

MyWoWo è un acronimo che sta per “My Wonderful World” e che rappresenta alla perfezione il motto “Wonders with no limits” proprio perché in giro per il mondo sono tante le bellezze che meritano di essere scoperte e quest’app consente di farlo in modo assolutamente pratico e soprattutto alla portata di tutte le tasche: infatti, al costo di 0.99 cents potrete garantirvi tantissimi contenuti in continuo aggiornamento!

All’utente, il pagamento di 0,99 cents verrà richiesto soltanto al download e da quel momento potrà usufruire per sempre dei contenuti che verranno incrementati nel corso degli anni. Straordinario vero? 🙂

COME FUNZIONA ? Come anticipato, negli ultimi giorni abbiamo sperimentato MyWoWo per ampliare ulteriormente la nostra conoscenza di Milano e oltre alla facilità e praticità di utilizzo, abbiamo apprezzato particolarmente l’opportunità di usufruire dei contenuti disponibili sull’app anche offline, senza consumare giga aggiuntivi!

Ogni traccia presente in MyWoWo, condensa in pochi minuti cosa c’è da sapere di un monumento o di un’opera e per ciascuno di essi non manca mai una curiosità. I contenuti di cui può usufruire l’utente durante il percorso di visita afferiscono a due tipologie:

  • CONTENUTI PRO: realizzati da professionisti specializzati
  • CONTENUTI SOCIAL: frutto del lavoro dei follower interessati ad incrementare ulteriormente il progetto

Per quanto riguarda l‘Italia, i contenuti al momento disponibili consentono di scoprire al meglio Napoli, Milano, Roma, Venezia, Torino, Firenze e Pisa, mentre per quanti sono in procinto di partire per un viaggio all’estero, su MyWoWo troverete Parigi, Barcellona, Madrid e Londra.

INTORNO A ME – SCOPRI LE MERAVIGLIE CHE TI CIRCONDANO: Un’altra funzionalità a nostro parere molto interessante e comoda quando si visita una città di cui si conosce poco, è “Intorno a me”: attivando il segnale GPS, l’app segnala le “meraviglie” da non perdere a partire da una distanza compresa tra 0- 1 km fino ad un massimo di 25 km.

Inutile dire che, la possibilità di usufruire di un servizio di questo tipo ha sicuramente due aspetti positivi: l’opportunità di evitare le code e il rilascio dei documenti per il noleggio di un’audioguida tradizionale, nonché la possibilità di risparmiare i costi legati (in alcuni casi) al noleggio stesso dell’apparecchio. Con MyWoWo, tutto quello che serve sapere è semplicemente in tasca e fruibile in qualsiasi momento 🙂

Come si dice? La cultura non ha prezzo e con MyWoWo da oggi è ancora più vero! 🙂

MyWoWo

CroaziaEuropaIsola di Krk

Isola di Krk (Croazia): tutto quello che c’è da sapere per viverla al meglio

Malinska Krk Croazia

Come ben sanno quelli che ci seguono sui nostri profili social, quest’anno abbiamo trascorso le nostre vacanze estive in Croazia, con l’intento di scoprire ancora meglio le bellezze offerte dall’Isola di Krk.

Infatti, dopo la fugace tappa dello scorso anno, erano troppi i punti della nostra esplorazione rimasti in sospeso ed era necessario rimediare 🙂

Anche in questa occasione, abbiamo soggiornato a Baska, località turistica situata all’estremità sud dell’isola e tra i centri più rinomati soprattutto per il suo mare cristallino e per le deliziose viuzze del centro storico e del porto antico (qui potete leggere un approfondimento dedicato interamente a tutto quello che c’è da sapere su Baska).

L’isola di Krk fa parte della regione del Quarnero e l’aspetto più interessante per chi arriva dall’Italia è che è situata a soli 120 km da Trieste, collegata comodamente alla terraferma grazie ad un ponte a pedaggio (38 kune, circa 5 euro).

Se amate la natura, le insenature e al tempo stesso gli scorci antichi, l’isola di Krk non vi annoierà di certo con il suo susseguirsi di paesini, ognuno speciale e meritevole di una visita.

Inoltre, gli amanti del trekking e delle passeggiate all’area aperta non si annoieranno di certo: l’isola offre infatti oltre 300 km di sentieri percorribili sia a piedi che in bicicletta di difficoltà e dislivello variabile.

Tra un tuffo e l’altro, abbiamo visitato ovviamente anche le principali località dell’isola e ciascuna di esse ci ha colpito a suo modo 🙂

KRK: conosciuta in italiano con il nome di “Veglia”, la città di Krk è il capoluogo dell’isola e offre una variegata Krk Veglia Croaziascelta in termini di hotel, appartamenti, ristoranti e konobe (le taverne tipiche croate) oltre che ovviamente numerosi negozietti di souvenir e di prodotti tipici locali.

Ancora oggi, la città è fortificata e prima di addentrarci nel centro storico attraverso una delle quattro porte a disposizione, abbiamo ammirato le mura che si estendono lungo l’intero perimetro cittadino.

Inutile dire che per quanti amano il mare, Krk è una meta ideale, come dimostrano le numerose bandiere blu che ogni anno affollano questo litorale e ovviamente le foto che abbiamo scattato durante la nostra visita 🙂

Inoltre, dal porticciolo turistico, partono quasi ogni giorno le escursioni per le numerose isole vicine…quindi di certo non ci si annoia!

Dinner Tips: Per una cenetta romantica, vi consigliamo il Ristorante Marina che oltre a servire un ottimo pesce fresco offre anche una bellissima atmosfera, direttamente sul lungomare 🙂

Krk Veglia Croazia

Krk Veglia Croazia

Krk Veglia CroaziaMALINSKA: situata nella zona nord occidentale dell’isola, alla pari di Baska e Krk, Malinska è uno dei centri che offre di più in termini di attività ricettive, bar e negozi. Appena arrivati, siamo stati subito catturati dal lungomare, qui è molto piacevole passeggiare e osservare le numerose imbarcazioni che al tramonto arricchiscono i colori del luogo. Non mancano i chioschetti di prodotti tipici e confezionati a mano, ideali per acquistare un souvenir locale 🙂 Così come in altre località dell’isola di Krk, la particolarità è data dalle numerose calette che si susseguono lungo la costa, ognuna senza dubbio meritevole di una gita in barca.Malinska Krk Croazia

Malinska Krk Croazia

Malinska Krk Croazia

VRBNIK: in italiano Verbenico, è una città storica dell’isola di Krk, la cui particolarità è data da una struttura medievale arroccata a Vrbnik Verbenico Croaziapicco sul mare e dalla forma conica, ben visibile da diverse prospettive. Per questo motivo Vrbnik merita assolutamente una visita. Ma prima di addentrarvi nel piccolissimo centro storico, vi suggeriamo una tappa al porticciolo turistico per ammirare il paese dal basso in tutta la sua bellezza, soprattutto se siete in zona di sera. Per gli amanti del genere, Vrbnik rappresenta anche un’ottima occasione per assaggiare il vino bianco locale, il famoso Vrbnička žlahtina, prodotto annualmente nei vigneti autoctoni. La caratteristica particolare è data dalle note fresche per cui si contraddistingue, merito del vitigno tipico della zona influenzato dal clima dell’Adriatico…insomma l’accompagnamento ideale per una cena a base di pesce fresco 🙂

Dinner tips: restando in tema culinario, se cercate un ristorante a Vrbnik dove valga davvero la pena fermarsi, scegliete il Nada: atmosfera suggestiva grazie ad una terrazza panoramica vista mare e piatti di pesce cucinati in maniera davvero sublime. Non aspettatevi però prezzi troppo a buon mercato, la qualità e la raffinatezza si fanno giustamente pagare.. ma soprattutto, ricordatevi di prenotare!Vrbnik Verbenico Croazia

Vrbnik Verbenico Croazia

PUNAT: situata lungo la costa meridionale dell’isola di Krk, Punat (in italiano Ponte) è l’ideale per staccare la spina e rilassarsi in un contesto tranquillo e poco affollato, se paragonato alle altre località più gettonate dell’isola. La spiaggia di Punta Debij è la più importante e dista solo 200 metri dal centro abitato. Come la maggior parte, anche questa gode della Bandiera Blu e di un mare incantevole. La particolarità del luogo è data senza dubbio dalla conformazione geograficamente chiusa del suo piccolo golfo che contribuisce a creare un’atmosfera tranquilla e rilassata e al cui interno è presente il piccolo isolotto di Kosljun.

Punat è conosciuta soprattutto per i suoi uliveti e vista la ricca vegetazione del luogo e la cura riposta nella coltivazione, una degustazione dell’olio di oliva tipico della zona è d’obbligo…. noi ovviamente non abbiamo perso l’occasione! 😀

Punat Krk

Punat Krk

SILO: situato nella parte nord-orientale dell’isola, Silo è un piccolissimo centro turistico conosciuto in particolare dagli appassionati di sport subacquei per la presenza del relitto della nave greca Peltastis, affondata nel 1968. I club locali organizzano numerose escursioni guidate per ammirarla da vicino e scoprirne l’affascinante storia.

Silo Krk Croazia

Silo Krk Croazia

Silo PeltastisPhoto credits: http://www.krk.hr/it/Lisola_di_Veglia/Loughi/silo

In questo post ci siamo dilungati un pochino, ma volevamo offrirvi un condensato di consigli e di spunti di viaggio dedicati all’isola di Krk, sperando di avervi ispirato per il vostro prossimo itinerario 🙂

A presto…con nuovi aggiornamenti!

CroaziaEuropaIsola di Krk

Alla scoperta dell’acquario di Baska (Bescanuova) in Croazia

Acquario di Baska

Dopo essercene innamorati durante la scorsa estate, quest’anno abbiamo nuovamente scelto Baska per le nostre vacanze estive 🙂

Come vi avevamo già raccontato qualche mese fa in un precedente post, Baska (in italiano Bescanuova) è una deliziosa località turistica dell’isola di Krk che ogni anno per la bellezza del territorio e per la varietà di attrattive offerte attira numerosi turisti, tra cui anche molti italiani.

Situata infatti nelle immediate vicinanze dell’Istria, l’isola di Krk dista solo 120 km da Trieste ed è comodamente raggiungibile grazie al ponte che la collega alla terraferma.

Colpiti dall’incredibile bellezza del mare e dall’atmosfera che si respira qui, in queste settimane siamo di nuovo a Baska per rivivere al meglio le piacevolissime sensazioni date dal luogo.

Così abbiamo deciso di riprendere quanto avevamo lasciato in sospeso in occasione della nostra ultima visita, a cominciare dall’Acquario di Baska che, lo scorso anno non avevamo fatto in tempo a visitare.

Acquario di Baska

Ieri abbiamo finalmente rimediato e ci siamo immersi nella straordinaria varietà faunistica che popola i fondali dell’Adriatico, osservando da vicino murene,  gattucci di mare, aragoste, una cernia dalle dimensioni incredibili e molto altro ancora!

L’acquario di Baska accoglie i visitatori in uno spazio di 200 mq2 costituito da ventuno vasche in cui vivono 100 specie di pesci, i veri protagonisti del fondale croato dell’Adriatico.

All’ingresso, è impossibile non restare colpiti da una delle maggiori collezioni di molluschi e gasteropodi marini che comprende ben 400 specie.

Chi ci segue su Instagram avrà avuto modo di dare un’occhiata alle foto e ai video in diretta e avrà capito senza dubbio che la visita è stata davvero piacevole ed interessante, un ottimo modo per vivere da una prospettiva unica il mondo marino. 🙂

VISITARE L’ACQUARIO DI BASKA – L’acquario di Baska è situato in pieno centro ed è comodamente raggiungibile sia a piedi e sia in auto.

Biglietti:

– bambini fino ai 5 anni = gratis
– bambini dai 5 ai 12 anni = 20,00 kn
– adulti = 30,00 kn

Continuate a seguirci sui social per i prossimi aggiornamenti da Baska 🙂

Cinque Terre & Riviera di LevanteItinerari italiani

Cinque Terre tour: cosa vedere a Vernazza

Vernazza

Visitare Vernazza, uno dei borghi più suggestivi delle Cinque Terre 

Dopo avervi portato in giro per i borghi di Monterosso al mare, Manarola e Riomaggiore, un’altra tappa obbligata nell’itinerario alla scoperta delle Cinque Terre è rappresentata senza dubbio da Vernazza.

Probabilmente il borgo più conosciuto e forse anche quello più suggestivo del territorio, Vernazza è l’unico porto naturale delle Cinque Terre e proprio alla particolare conformazione del paesaggio deve buona parte della sua incredibile bellezza.

Vernazza offre infatti una vista incantevole sia osservandola dal mare che dai sentieri panoramici e se siete in giro per la Liguria vi consigliamo di trascorrere qualche ora tra le viuzze del centro che ripidissime arrivano alla piazzetta centrale, affettuosamente definita dagli abitanti  “u cantu de musse”, ovvero l’angolo delle chiacchiere.

Se dovessimo definire Vernazza in poche parole non avremmo dubbi: un turbinio di colori, profumi e sapori in cui perdersi per una gita fuoriporta alla scoperta di una delle bellezze storiche del territorio italiano che, non a caso, insieme alle altre località che compongono le Cinque Terre, è patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1997.

CASTELLO DORIA – Già dal 1080 si parlava di Vernazza nelle cronache storiche per il suo borgo fortificato, di cui ancora oggi ritroviamo degli splendidi esempi, primo fra tutti senza dubbio il Castello Doria e la torre di avvistamento del XI secolo che ovviamente durante il nostro tour non potevamo perderci.

Dopo una sosta gelato rigenerante in piazzetta, siamo andati a visitare Castello Doria, imperdibile per la vista panoramica che offre sul borgo circostante. Una volta giunti in cima, la bellezza del paesaggio vi ripagherà della fatica delle scale con una vista mozzafiato su Vernazza e l’azzurro della costa. Qui occorre prendersi qualche minuto per godere della pace del luogo e apprezzarne al meglio tutte le sfumature di colore.

L’accoglienza e la manutenzione del Castello è a cura della Pubblica Assistenza ed è possibile accedervi tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00 a soli 2 euro, da non perdere!

Speriamo di avervi ispirato con il nostro racconto, ma per cogliere al meglio la bellezza di questi luoghi bisogna viverli in prima persona… 🙂

Itinerari italiani

Visitare la Rocca Viscontea di Castell’Arquato in Emilia Romagna

Castell'Arquato

Dopo il borgo incantato di Vigoleno, il nostro itinerario in Emilia Romagna prosegue alla volta di Castell’Arquato per una visita alla splendida Rocca Viscontea.

Come Vigoleno, anche Castell’Arquato è stato insignito già da molti anni del prestigioso riconoscimento “uno dei borghi più belli di Italia” e non tarderete a capirne il motivo…

Arroccato su una collina, Castell’Arquato domina la piacentina Val d’Arda con le sue torri imponenti visibili anche a distanza. Se in termini di traffico vi è possibile, vi consigliamo infatti di fermarvi con l’auto lungo la strada che porta al paese per scattare una foto panoramica all’intero borgo visto da giù.

Per godere appieno della visita vi suggeriamo come sempre delle calzature comode, dal momento che la strada che porta in centro è tutta in salita e a meno che non siate dei trail runner potreste affaticarvi un tantino 😀

Una volta parcheggiata l’auto nei pressi delle mura antiche, preparatevi ad immergervi in questo splendido borgo medievale perfettamente conservato.

Il luogo più caratteristico di Castell’Arquato è senza dubbio la piazza principale dove salendo da una scalinata vi ritroverete improvvisamente davanti la splendida Rocca Viscontea, risalente al 1349 e costruita chiaramente con intenti difensivi come punto di osservazione sulla circostante Pianura Padana.

La Rocca è visitabile liberamente al costo di 5 euro a persona, mentre con  il biglietto unico da 6.50 euro potrete visitarla con la guida in abbinamento alla Collegiata e all’esplorazione del borgo.

Imperdibile è anche la stessa Collegiata, ricostruita per gli ingenti danni subìti in occasione del terremoto del 1117 e considerata una delle più antiche pievi battesimali del piacentino.

Palazzo del Podestà Castell'ArquatoIl “cerchio” della piazza è chiuso dal Palazzo del Podestà risalente al 1292 che cattura subito l’attenzione per le sue merlature e lo stemma della città.

Anticamente utilizzato per le attività amministrative e di giustizia, oggi il Palazzo ospita l’Enoteca comunale ideale per una degustazione dei prodotti tipici della zona, perché Castell’Arquato non è soltanto una città ricca di storia 🙂

Insomma se volete calarvi in una suggestiva atmosfera medievale, Castell’Arquato è decisamente il posto in cui storia, cultura e specialistà gastronomiche si fondono in una armonia perfetta.